All for Joomla All for Webmasters

A Natale si gioca con lo smog

A Natale si gioca con lo smog

​Quest'anno a Natale non accontentatevi dei soliti regali, arriva infatti,un nuovo videogioco che mostra le conseguenze dell'inquinamento sul nostro pianeta. Si tratta di un' App, "Carbon Warfare",  lanciata su Android e iOS, in occasione dell'ultima conferenza sul clima di Marrakech.

​Un passatempo educativo, dunque da regalare ad adolescenti e giovani per aiutarli a crearsi una coscienza ecologica, indispensabile per rispondere alle sfide di domani. Grazie a "Carbon Warfare" i giocatori avranno la possibilità di verificare in prima persona cosa comporteranno scelte sbagliate, in ambito ambientale, per il futuro della Terra.

Così facendo potranno constatare direttamente sul campo quanto alta sia la posta in gioco.

In "Carbon Warfare" infatti,  vince chi inquina di più, distruggendo con le proprie azioni il pianeta. Il gioco si basa su diverse proiezioni di cosa accadrebbe se la temperatura media della terra si alzasse da 15 a 21 gradi o se si investisse in industrie alimentata da combustibili fossili. 

Saranno per tanto sotto i riflettori tematiche attuali e scottanti come il riscaldamento globale e i cambiamenti climatici. Si andrà perciò ben oltre la finzione verificando scenari tristemente plausibili ed anzi fin troppo vicini se non si prenderanno provvedimenti concreti. I giocatori avranno così modo di capire a quali disastri ambientali stiamo andando incontro attraverso la simulazione di incendi, tempeste di sabbia e alluvioni frutto non di fantascienza, ma di dati scientifici reali. 

 Alla realizzazione di "Carbon Warfare" hanno partecipato Yoram Bauman, economo ambientale dell'Università di Washington Yoram Bauman, e la Lakeside School da tempo impegnati nella difesa del pianeta.



Natale a Parigi
Venezia, battello elettrico sul Canal Grande

Related Posts

 

Commenti

Ancora nessun commento
Already Registered? Login Here
Ospite
Sabato, 25 Settembre 2021

Immagine Captcha

Ricevi i nuovi articoli via email

Vai all'inizio della pagina