All for Joomla All for Webmasters

Tossa de mar, un borgo medievale incastonato nel turchese del Mediterraneo

Tossa de mar, un borgo medievale incastonato nel turchese del Mediterraneo

​ L'estate è ormai alle porte e, nonostante il tempo ancora un po' incerto, la voglia di vacanze e soprattutto di mare è tanta. Perchè non approfittare dunque dei prezzi più contenuti e del fatto che non ci sia ancora troppa folla per scegliere una meta rinomata e festaiola come la Costa Brava, il litorale spagnolo che, dal confine con la Francia si distende fino a Blanes?

Giugno è, infatti il mese perfetto per godere delle bellezze naturali di questa zona senza però rinunciare al divertimento e potersi regalare così una vacanza al mare economica. A caratterizzare la zona sono le forti contraddizioni, i tipici villaggi di pescatori, le cale nascoste, le spiagge solitarie, le acque cristalline ed una movida davvero senza eguali praticamente in tutto l'anno. La Costa Brava, che in lingua locale vuol dire selvaggia, è in grado di regalare scenari mozzafiato, ma allo stesso tempo numerose occasioni per divertirsi grazie ai suoi tanti ristoranti e locali.

​ Tra le diverse località della zona merita paticolare attenzione Tossa de Mar, talmente suggestiva da aver stregato persino Marc Chagall che amava spesso soggiornarvi e che in segno di gratitudine regalò un suo quadro, Il violinista", al museo locale. Fu proprio Chagal a definire questo incantevole borgo medievale "Paradiso blu" per lo straordinario colore del suo mare.Tossa vanta, oltre ad un paesaggio mozzafiato, un centro storico perfettamente conservato e a picco sul mare che le è valso il riconoscimento, già nel 1931, di Monumento Storico-Artistico Nazionale. Del resto le mura che la circondano, edificate per la prima volta nel XII secolo e ricostruite nel 1378, ne fanno l'unico esempio di paese fortificato medievale ancora visibile in tutta la Costa Brava.

​ Lungo il perimetro della cinta muraria troneggiano tre grandi torri cilindriche, in ottime condizioni dette del Codolar, de las Horas e de Joanes. Dell'antico castello, eretto nel 1187 per difendere il borgo dalle incursioni dei pirati, non resta nulla, ma in sua vece è stato costruito un faro.L'origine romana di Tossa, anticamente conosciuta con il nome di Turissa, è invece rivendicata dalla presenza di una Villa Romana dels Ametllers (s. I a.C. - s. VI d.C.), con mosaici pavimentali sui quali si legge ancora, perfettamente conservato, il nome del proprietario "Salvo Vitale Delix".Il turismo, in questo rinomato borgo, è più sofisticato di quanto non lo sia nel resto della Costa Brava grazie anche alle diverse attività culturali che qui si organizzano tutto l'anno.

​ L'unico limite di Tossa è il fatto che le spiagge a disposzione dei bagnanti, sebbene quattro, sono piccole e in alta stagione decisamente affollate. La più grande è Platja Gran, che si distende dal promontorio della Città Vecchia fino al monumento alla Gavina Joan, il Gabbiano Jonathan Livingstone, celebre protagonista del romanzo di Richard Bach. La spiaggia più suggestiva è invece Es Codolar sotto la Città Vecchia che ancora oggi fa da ricovero alle barce dei pescatori . 

Passeggiando per il borgo ci si imbatte in numerosi bar e ristoranti dove gustare la tipica cucina catalana originale e varia, comunemente definita di mar y montana dal momento che coniuga la duplice vocazione delle genti che popolano la costa, da sempre legate ai doni offerti dal mare, ma senza dimenticare, allo stesso tempo, il loro legame con la terre e la loro vocazione contadina. Dai boschi antistanti provengono ad esempio funghi e lumache dalle quali si ottiene una minestra chiamata sopa de fredolics. Di sapore decisamente marino è invece es niu, il nido, merluzzo dissalato, essicato all'aria e poi umidificato al quale vanno aggiunti anche una seppia, piselli, patate alla maionese all'aglio. Ancora tipiche sono la escudella, uno stufato di carni, insaccati e patate, la escalivada: peperoni e melanzane al forno e la esqueixada, un'insalata di merluzzo crudo. Per una vacanza in Spagna che si rispetti dunque non si potrà non provare la cucina locale.

Dove mangiare

Da Giovanni

A rendere questo ristorante italo/spagnolo particolarmente apprezzato sono la posizione che consente di godere del meraviglioso scenario offerto dal golfo di Tossa e l'ottima cucina, unite ad un buon rapporto qualità prezzo ed a gestori attenti ed affabili. Tra i piatti più apprezzati: l'impepata di cozze, la grigliata di pesce e soprattutto la paella.

La Rocca de Tossa

A prima vista questo locale non colpisce certo per il suo aspetto apparentemete poco curato e non certo alla moda, ma una volta varcata la soglia vi sorprenderà per la qualità della sua cucina, caratterizzata da ingredienti freschissimi e di qualità. Fiori all'occhiello di questo ristorante sono la sangria, la paella, la zuppa di pesce e la crema catalana. Particolarmente gustoso l'Arroz Nigro, cioè la versione della paella con il nero di seppia. Nonostante ciò, La Rocca de Tosa è un locale decisamente economico, con appena 12,90 euro, infatti si potranno gustare un antipasto ed un un primo con vino/acqua e caffè. Grazie al fatto di essere un locale tranquillo risulta essere una valida soluzione  per tutta la famiglia anche per chi viaggia con i bambini.

La Lluna

Per chi preferisse optare per una cena a base di tapas questo ristorante sarà una valida soluzione. Da provare anche la sangria, le polpette con le salse, i peperoni ripieni di baccalà e i dolci come per esempio, la cagliata con il miele. Illocale è molto suggestivo, si trova infatti, vicino al Castello, in un piccolo antro circondato dalle piante, i tavoli all'esterno sono pochi e non si accettano prenotazioni, ma vale la pena attendere.

Tapas del Mar

Si trova in una posizione privilegiata, tra la spiaggia e il Castello, ma non è il solito locale per turisti, la cucina, infatti è curata, si avvale di ottime materie prime ed i prezzi sono proporzionali alla qualità. Il menu in realtà è semplice ma ben organizzato, si possono trovare ottime tapas, calamaretti fritti, ovviamente freschi, patatas brava.

Restaurant La Placeta

A caretterizare questo locale, oltre alla buona cucina è sicuramente l'ambientazione, si tratta infatti di un ristorante americano stile anni '50 che sorge all'interno del Castello nella suggestiva piazzetta d'armi. Lontano dal centro di Tossa, in un ambiente tranquillo e raffinato, è un'ottima location per una cenetta romantica. Questo ristorante offre sia il menù alla carta che un menù a prezzo fisso intorno ai 15€. I piatti sono serviti con una presentazione raffinata ed elegante e sono di buona qualità. Specialità della casa è la grigliata di pesce e frutti di mare: ricca di diverse specie e freschissima.

Castell Vell

Questo ristorante si trova nel cuore di Tossa, tra le viuzze medievali dentro le mura cittadine, la sua collocazione lo rende dunque particolarmente affascinante e ne fa un posto elegante e raffinato. I prezzi sono più alti rispetto alla media di Tossa, ma la qualità è ottima, ed il servizio impeccabile così come perfetta è anche la vista, la terrazza domina, infatti, sulla città vecchia. Non stupisce dunque che Castell Vell si fregi di ben 2 stelle michelin.

La cuina de Can Simon

Questo ristorante sorge sotto le mura del Castello di Tossa in mezzo a ristorantini turistici. Propone piatti del territorio rivisitati in modo originale ed efficace grazie anche all'utilizzo di buone materie prime. L'ambiente è curato nei minimi particolari e l'accoglienza calorosa grazie anche alla conduzione familiare che lo caratterizza. I piatti, ben presentati, sono semplici, legati al territorio ed alle tradizioni, ricchi di sapore ed originali nelle loro rivisitazioni. Buoni il salmone marinato con cipolla dolce, le polpettina di vitello, i calamari locali con salsa catalana e porri, il risotto con lumachine di mare e calamari, solo per citarne alcuni.

Come arrivare

Tossa si può raggiungere arrivando in aereo a Girona o a Barcellona e affittando un auto o semplicemente in pulman. Da Barcellona parte anche il treno della Renfe in direzione Massanet-Massanes. Il treno non arriva a Tossa ma bisogna scendere a Blanes e da lì prendere uun autobus fino a Lloret de Mar.

In Provenza, nel Parco Naturale delle Calanques
Il lago di Piediluco, uno smeraldo incastonato tra...

Related Posts

 

Commenti

Ancora nessun commento
Already Registered? Login Here
Ospite
Domenica, 31 Maggio 2020

Immagine Captcha

Ricevi i nuovi articoli via email

Vai all'inizio della pagina